Lo strano caso di Valentin, che muore di freddo in Russia. Ogni anno, dal 1999

© 2003-2006 by Paolo Attivissimo. Some rights reserved (alcuni diritti riservati).

Indagine iniziale: 12/3/2003. Ultimo aggiornamento: 27/11/2006.

Indagini antibufala consultate dal 7/11/2003:

Elenco delle indagini - Pagina iniziale del sito

English abstract (il resto è in italiano)

An e-mail appeal from a Mr. Valentin Mikhaylin or Walentin Mihailin (or other similar-sounding spellings) has been circulating on the Internet at least since November 1999. In the various versions of this appeal, Valentin claims to be a desperately needy teacher (1999 version) or student (post-1999 version) who is dying of cold in Kaluga, Russia. The address given is always "Ryleeva Str. 6-45 Kaluga 248030". Sometimes the appeal asks to swap music CDs instead of clothing and emergency aid.

According to several hoax- and scam-busting sites and Net abuse monitoring newsgroups, "Valentin" has been sending so many e-mails for so many years with different excuses that he has been classified as a spammer. Moreover, because of the various identities and inconsistent stories he has used, his appeals are presumed to be a scam.

Here are some of the many e-mail addresses that "Valentin" has used. Any e-mail from these addresses should be considered a scam:

— va.q.michailin@mail.ru (2006)
— valent.l.michailin@mail.ru (2006)
— vamik@mailrus.ru (2006)
— vmik@userline.com
— vmik@nxt.ru
— valmik@mail2k.ru
— vmik@nextmail.ru
— vm@ustas.ru
— walen@poste.ru
— vmik@mail333.com
— vmik@students.ru (2003)
— valya@userline.ru (2002)

There are also other reasons for being suspicious about Valentin's appeals. For example, there are questions as to how an allegedly desperately poor Russian student is able to harvest hundreds of thousands of e-mail addresses and send as many e-mails. Also, the freezing temperatures described in his appeals are not always consistent with the temperatures in Kaluga as published on the Internet by several Websites.

Moreover, information reported by websites in Russia and other countries suggests that Valentin is a rather foolish young man who thought he could make a living for his family and himself by begging over the Internet, but wasn't smart enough to keep quiet about it with the local authorities, ultimately getting in deep trouble with the law for slandering the local Post Office authorities and for the threats to launch nuclear missiles that originated from his computer and were sent to thousands of West European addresses, causing alarm as they claimed to be sent by a group of disgruntled workers of a Russian nuclear missile base.

According to several sources and personal tests, when Valentin is contacted with offers to send emergency aid, he replies with a standard text giving details of how to send him money via Western Union. His name and address would appear to be genuine, as he uses them to receive these money transfers.

Another reason for being suspicious about Valentin's appeal is that he is extremely reluctant to give information that might corroborate his story. He has been asked by myself and other Internet users to provide simple evidence of his condition, or just a photograph of himself in exchange for a donation, but he has always refused, giving all sorts of implausible excuses.

Finally, Valentin's reaction to the Web page you're reading has been unusually aggressive. In January 2005, Valentin contacted me, accusing this Web page of slander. He then started a series of personal attacks.

First he threatened me with an international lawsuit, which so far has failed to materialize. Then he claimed that he had found classified advertisements of mine in gay Websites, seeking young men for sex, and indeed I subsequently received few offers (which I politely declined); I didn't post the ads, so I presume someone planted them in an attempt to harass me. Then he contacted Paypal.com and asked them to close my account because, he said, I was a slanderer (Paypal refused). He then tried to block my e-mail account at Pobox.com by again claiming that I was a slanderer (Pobox refused).

There have also been several instances in which my e-mail address was used as apparent source of a spamming campaign. Analysis of the headers of this spam flood shows that the sender was using Moscow time. In a third instance, several blogs and discussion groups were spammed with a poorly written advert about my website, which also gave my personal details and used almost verbatim the text of personal e-mails that Valentin had sent to me.

I cannot establish a bulletproof link between Valentin and these spam-based harassments, but it is a fact that they all coincided with my attempts to contact Valentin asking him what had happened to the lawsuit and politely offering him further opportunity to provide evidence of his condition.

Further details, together with Valentin's rather amusing messages to me, are provided in the links on this page, which also include an article from a Russian website, detailing his questionable activities and his troubles with the Russian legal system.

Readers in Russia were able to visit Kaluga and acquire further information about Valentin. I am not publishing this information for the time being, as I am waiting for further confirmation.

In view of all these facts, this appeal should be considered a scam unless strong evidence to the contrary is provided.

Il testo dell'appello

L'appello, anzi gli appelli, circolano in varie lingue e in varie versioni. Qui presento la versione più recente:

From: Valentin <valent.l.michailin@mail.ru>
Date: Nov 26, 2006 4:55 PM
Subject: Letter from Russia
To: undisclosed-recipients

Dear Friends,

Please excuse me for this letter.

My name is Valentin. I'm student and I live with my mother in a small town Kaluga, Russia. My mother is invalid. She cannot see and she receive pension very rare which is not enought even for medications.

I work very hard every day to be able to buy necessities for my mother, but my salary is very small, because my studies still not finished.

Due to deep crisis authorities stoped gas in our district and now we cannot heat our home. I don't know what to do, because the winter is coming and the weather will be very cold. I am very afraid that the temperature inside our home can become very cold and we will not be able to survive.

Therefore I finded several e-mail addresses and thank to the free internet access in our local library I decided to appeal to you with prayer in my heart for small help.

If you have any old sleping bag, warm blanket, electric heater, warm clothes and shoes, electric water-boiler, canned and dried food, vitamins, medicines from cold, any hygiene-products, I will be very grateful to you if you could send it to our postal address which is:

Valentin Michailin,
Rileeva Str, 6-45.
Kaluga. 248030,
Russia.

If you think that it would be better or easier for you to help with some money, please write me back to my e-mail vamik@mailrus.ru and I will write you how to send it safely, if you agree. In this case I will be able to buy a portable stove and heat our home during the winter.

I hope to hear from you very soon and I pray that you can help us. I also hope very much that this hard situation will become better in our region very soon.

From all my heart, I wish you all the best. I wish that all your dreams come true and your life will be full of hapiness.

God Bless You,

Valentin.
Kaluga. Russia.
E-mail: vamik@mailrus.ru

Ne ho raccolte alcune delle varianti più diffuse e ne ho preparato una traduzione italiana in una pagina a parte.

In sintesi, è dal 1999 che un certo Valentin Mikhaylin (o Walentin Mikhailyn o altre grafie analoghe) dice di abitare a Kaluga, in Russia. Talvolta afferma di stare morendo di freddo con sua madre invalida e chiede viveri e aiuti; talaltra sta bene e chiede di inviargli CD di musica nazionale. Nelle versioni più recenti, Valentin si presenta come studente, ma in altri casi si è presentato come professore. In alcuni casi, gli aiuti richiesti sono generi di prima necessità (un sacco a pelo, una coperta calda, una stufa elettrica, indumenti e scarpe calde, un bollitore elettrico, cibo in scatola, medicinali, eccetera) oppure soldi; in altri la richiesta è specifica in termini di taglia degli indumenti e delle scarpe.

In ogni caso, l'indirizzo indicato è sempre "Ryleeva Str. 6-45 Kaluga 248030 RUSSIA."

Ci sono numerose altre versioni di questo appello, scovate dai lettori. In una, per esempio, Valentin si presenta come radioamatore e offre scambi di apparecchiature per questo hobby, come descritto in un'indagine parallela (ora non più presente all'indirizzo linkato). Valentin usa anche altri indirizzi: i frequenti cambi sembrano indicare che viene cacciato spesso dal provider, probabilmente perché viene segnalato come spammer.

Ecco alcuni degli indirizzi utilizzati negli ultimi anni da Valentin. Qualsiasi messaggio proveniente da questi indirizzi è da considerare truffaldino:

— va.q.michailin@mail.ru (2006)
— valent.l.michailin@mail.ru (2006)
— vamik@mailrus.ru (2006)
— vmik@userline.com
— vmik@nxt.ru
— valmik@mail2k.ru
— vmik@nextmail.ru
— vm@ustas.ru
— walen@poste.ru
— vmik@mail333.com
— vmik@students.ru (2003)
— valya@userline.ru (2002)

I "garanti" di Valentin (2005)

Una variante dell'appello che merita di essere evidenziata è quella che ha iniziato a circolare a fine 2005 e nella quale fa "autenticare" i suoi messaggi da altre persone, che però sono inesistenti.

In pratica, al posto del solito appello diretto, lo spam di Valentin arriva sotto forma di un e-mail proveniente (apparentemente) da una terza persona, che consiglia di dare ascolto all'appello del ragazzo russo. Eccone un esempio, il cui mittente sarebbe un certo "Merlin Mccracken" (appleton1@blueyonder.co.uk), ma mi sono stati segnalati messaggi analoghi provenienti da altri mittenti, come "Lyman Montano", "Angelica Odom", "Daryl Velez", "Hubert Cornett", "Bruno Means", "Amalia Velazquez", "Kirk Quinterno" e altri, tutti riferiti a indirizzi del provider inglese Blueyonder:

On December 6, 2005, I received this interesting message from a poor Russian student. He is asking for little help due to the difficult situation. I was in another region and did not check my mailbox until now.

I can't help because I have a lot of different problems myself, therefore I forward this message to all the emails from my address-book in hope that you can help.

You can contact Valentin directly at: wmik@mailrus.ru

I wish you a Merry Christmas!

Traduco:

Il 6 dicembre 2005 ho ricevuto questo messaggio interessante da un povero studente russo. Chiede un po' di aiuto a causa della situazione difficile. Mi trovavo in un'altra regione e ho controllato solo ora la mia casella di posta.

Io non posso aiutare, perché ho molti e vari problemi anch'io, per cui inoltro questo messaggio a tutti gli e-mail [sic] della mia rubrica nella speranza che possiate aiutare.

Potete contattare Valentin direttamente presso: wmik@mailrus.ru

Vi auguro buon Natale!

Datazione

Appelli a nome di Valentin per i motivi più disparati circolano almeno da novembre del 1999, secondo Hoaxbuster.com e come facilmente confermabile immettendo il nome Valentin Mikhaylin o Mihailin e/o Kaluga in Google.

Perché è una bufala, anzi una truffa

Si tratta di una truffa per una serie di motivi descritti chiaramente da Hoaxbuster.com al link citato sopra (in francese):

Già questi dubbi basterebbero a sospettare della veridicità dell'appello di Valentin: è prudente trattare questo appello come truffa fino a prova contraria. E' comunque una situazione poco chiara e per questo è meglio evitarla. Perché rischiare? Dopotutto, se volete fare del bene agli abitanti di Kaluga, vi basta rivolgervi a organizzazioni più affidabili, come la Croce Rossa, piuttosto che a uno sconosciuto dai comportamenti sospetti.

Certo, potrebbe anche trattarsi di un poveraccio che si è inventato un modo per tirare a campare chiedendo l'elemosina tramite la connessione Internet di un istituto scolastico locale e mente per intenerire gli animi; ma se così fosse, non avrebbe comunque il diritto di fare spam e soprattutto di attaccare chi denuncia il suo comportamento sospetto, come è capitato ripetutamente a me.

I dubbi sulla veridicità di Valentin aumentano quando si considerano i risultati abbastanza sorprendenti di un'indagine approfondita, realizzata con l'impagabile aiuto dei lettori del Servizio Antibufala: Valentin è già stato in galera ed è un piccolo quanto imbranato truffatore, secondo quanto riportato da un articolo di un sito russo, di cui ho preparato una traduzione con l'aiuto dei lettori.

Valentin dice di avere fame e freddo, ma mi attacca via Internet

Dopo la pubblicazione della versione iniziale di quest'indagine, Valentin mi ha mandato via e-mail una diffida piuttosto aggressiva e ha iniziato, ai primi del 2005, una serie di attacchi informatici contro di me, che trovate documentati in dettaglio nel mio carteggio con Valentin. Ho preparato inoltre un'analisi di uno di questi attacchi, cogliendo l'occasione per mostrare come si indaga sull'origine di un messaggio sospetto.

Non sono al momento in grado di dimostrare al di là d'ogni dubbio che ci sia Valentin dietro ciascuno di questi attacchi, ma gli indizi sono forti ed è indubbio che questi eventi sono avvenuti subito dopo che l'ho contattato via e-mail per chiedergli che fine avesse fatto la causa che aveva minacciato e per offrirgli nuovamente l'occasione di dimostrare la veridicità della sua storia, oppure in occasione di miei articoli che parlano del suo caso.

I lettori indagano, sorvegliano e si interpongono

Altri lettori hanno deciso di indagare e di iniziare una sorta di azione di sorveglianza e interposizione per monitorare il comportamento di Valentin e rendergli più difficile fare altre vittime (e ne ha fatte parecchie). In sostanza, lo contattano spacciandosi per persone che credono al suo appello e vogliono mandargli aiuto. Ho raccolto in pagine separate le loro indagini e le loro esperienze di contatto e sorveglianza.

Quest'attività di interposizione consente di aumentare notevolmente il traffico di posta di Valentin, in modo tale che perda molto tempo dietro a false vittime e quindi abbia meno tempo per circuire quelle vere: in pratica, si interpongono fra il truffatore e la vittima, così come ci si interpone fra un aggressore e una persona indifesa.

L'azione, non coordinata da me ma nata spontaneamente dai lettori del Servizio Antibufala dopo la pubblicazione della prima versione di quest'indagine, ha causato una reazione molto vivace da parte di Valentin, che ora risponde a tutti gli e-mail provenienti dall'Italia con un messaggio standard che dissemina i miei dati personali conditi con frasi sarcastiche nei miei confronti.

Valentin, infatti, pensa che io sia il condottiero di chissà quale persecuzione di massa nei suoi confronti (ha dimostrato di essere piuttosto paranoico visitando questa pagina oltre un centinaio di volte in meno di un mese, come risulta dai miei log).

L'interposizione ha comunque avuto un effetto positivo: siccome ora Valentin pensa che chiunque gli scriva da un indirizzo ".it" sia un simulatore, gli è molto difficile fare vittime in Italia.

Ringraziamenti

Grazie a tutti i lettori già citati che hanno collaborato a quest'indagine. Cito in particolare alcuni che non ho avuto modo di citare direttamente nel testo: enric0m, mdt86, antonella.recec****, odo, Stefano Bell****, jodyber, Luciano Lo*** e rudy69.

Commenti, critiche o segnalazioni?

Se avete qualche dettaglio o correzione da contribuire a quest'indagine antibufala, scrivetemi presso topone@pobox.com. Grazie!